Fermarsi per risolvere l’esaurimento quotidiano: come staccare il pilota automatico

Para leer la versión en español, haz clic aquí.

Viviamo a tutto spiano.

Più in male che in bene.

E ne siamo consapevoli.

E vorremmo risolvere la situazione.

Tuttavia, esaminare il nostro stile di vita è estenuante.

DOPPIAMENTE STANCANTE

Lo è per due ragioni:

  • UNO, implica uno sforzo fisico fermarsi in mezzo alla rotonda dove circoliamo, causando il malumore degli altri guidatori, per metterci sul marciapiede e guardare da fuori cosa facciamo e come lo facciamo.

  • DUE, implica uno sforzo mentale ammettere che non possiamo continuare a guidare quasi alla cieca, sapendo poco o nulla della strada, degli altri guidatori che si comportano proprio come noi. La corsa al successo, la chiamano alcuni.

    Eccheccavolo, a volte non sappiamo nemmeno se fuori dalla macchina c’è il sole o se piove.

LA TEORIA?
ME LA SO A MEMORIA

In effetti, quando abbiamo un problema, la maggior parte del tempo ne siamo consapevoli.

È come fumare. Lo sappiamo che il tabacco fa male e abbiamo letto decine di articoli, visto foto scioccanti, sentito consigli fino alla noia… e continuiamo a fumare. Perché?

Facile.

Il cambiamento deve cominciare da dentro.

Per smettere di fumare e per abbandonare uno stile di vita.

… per quanto ci elenchino i vantaggi di prendere un’altra strada, diversa da quella che seguiamo…

… per quanto ci spieghino che non si può continuare a remare, qualunque cosa accada e senza tirar sù la testa

… nessuno ci convincerà.


Si può essere predisposti (altri parlano di curiosità, altri ancora di anticonformismo), ma, alla fine, il momento della rivelazione, il vero cambio di mentalità, si verifica sempre quando stiamo da soli.


IL SEGRETO?

INPROSTE … INSORPRE … INTOSPREZ …

GUARDARSI DENTRO

È difficile rispondere alla domanda:

dove mi porta ciò che sto facendo in questo momento?

È impossibile rispondere se non ci prendiamo una pausa.

Come molte persone, ho scoperto che un buon momento per riflettere su queste cose è dopo un’esperienza negativa, che ti colpisce e ti lascia l’amaro in bocca.

In quel momento siamo in grado di fermare tutto perché ci sentiamo male, e non ci interessa scendere dal treno per pensare a quanto è successo e cercare di guardare oltre.

Come quando litighiamo con un amico o un partner, perdiamo una partita, bocciamo un esame importante o ci rifiutano un aumento meritato.

Ricordando che “non tutto il male viene per nuocere”, vi invito a utilizzare tali momenti per vedere voi stessi dal di fuori, come se foste un tirocinante che cerca di imparare da noi, e chiederci:

Cosa faccio esattamente col mio tempo?

Che cosa ricevo in cambio?

Perché lo faccio?

E, soprattutto, come mi vedo fra 10 anni?

Continuerò allo stesso ritmo?

Sicuramente queste domande vi mostrano, in molti casi, che stiamo funzionando col pilota automatico. E che dovremmo spegnerlo per un po’ ogni giorno per pensare a come ci vogliamo vedere tra qualche tempo, quando il tirocinante tornerà per farci un controllino.

Se siete riusciti a spegnere il pilota automatico… che cosa vedete? È INTERESSANTE? Vi piace? Quali problemi, lontani o vicini, vi trovate davanti?

È un passo piccolo ma importante per dare più senso al nostro percorso.

Qualunque cosa sia, è il nostro.

–> –> Ah, prima che me lo dimentichi! <– <–

Se ti è piaciuto questo post, non ti scordare di ISCRIVERTI al blog cliccando sul tasto SEGUIR (FOLLOW) che compare sull’angolo inferiore a destra in questa finestra, oppure tramite il FEED.

In questo modo riceverai una notifica nella tua mail ogni volta che verrà pubblicato del contenuto d’interesse, e potrai rimanere aggiornato su tutto quello che bolle in pentola da noi a Prismalize. Grazie di cuore e buona crescita!

 

Immagini per gentile concessione di Pixabay.

Traduzione di Simona Bracaloni.

————

PRISMALIZE ha lo scopo di condividere una serie di esperienze, idee e consigli volti a sfruttare meglio il nostro potenziale, vivere secondo i nostri ideali e sogni e, in ultima analisi, creare versioni migliorate di noi stessi, più coerenti e soddisfacenti.

Per renderlo possibile e far sì che riusciamo a sfruttare al massimo le nostre risorse, i temi qui esposti rappresentano solo un punto di partenza per i lettori per parlare, istruire, suggerire, condividere e, in ultima analisi, collegarsi per dare continuità alle proprie passioni.

Questo progetto non varrebbe niente senza le persone per dare una forma concreta alle idee che vi presentiamo: di conseguenza, ti invito a commentare, condividere, indicando successi e insuccessi, suggerire argomenti … In questo modo starai partecipando alla creazione di una comunità molto speciale, un vero e proprio alveare digitale di e per le persone come te.

Anuncios

4 comentarios en “Fermarsi per risolvere l’esaurimento quotidiano: come staccare il pilota automatico

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s